domenica 27 maggio 2007

un film già visto

una panchina, in un parco della città.
fa caldo ma non troppo... un principio di primavera attorno a noi.
tu che cerchi di far colpo su di me, che ho accettato di uscire, ma solo come amici.
mi hai dato un regalo, pochi giorni prima, per il mio compleanno e mi spiaceva dirti di no.
e così si cammina fino lì, ci si siede su una panchina, che scegli tu, chissà che film hai in testa.
e inizi a parlare, dei mondiali di calcio.
non di quelli dell'anno (1998) ma di tutta la storia calcistica.
e mi dici tutte le partite dell'italia, con i risultati, i gol e le azioni principali.
non me ne può fregare di meno, ma ti ascolto paziente. alla fine è divertente.
è curioso che tu riesca a ricordarti cose a mio parere così inutili e che non conosco.
e in mezzo ci infili anche un "mi piaci davvero, mi sono innamorato di te"
e io sorrido, ti guardo negli occhi e con una mancanza di tatto stratosferica ti rispondo:
" io no". e guardo la tua reazione, degna di un film di quelli che si guardano la domenica pomeriggio sonnicchiando sul divano. mi guardi, ti fingi stupito e mi dici "non ti preoccupare, io ho pazienza, e tu imparerai ad amarmi" e io ti guardo, stupita di tanta ottusità, e ti sorrido, perchè le parole sarebbero inutili.
come se niente fosse, ti guardi attorno, un bambino vicino a noi grida qualcosa alla madre, e tu ricominci "ti ho detto come è finita la partita dell'italia del mondiale del 1994?"
è andata avanti un po' di mesi, questo tuo rincorrermi e il mio lasciarti fare, un po' lusingata, un po' scocciata. questo tuo corteggiarmi infantile, fra i banchi di scuola, questa cosa un po' da telefilm anni '80. poi è finita la scuola, la maturità e non ci siamo più visti. una pizzata di classe, qualche anno fa, il tuo accompagnarmi a casa, il nostro reciproco imbarazzo, il chiederci un po' scusa per quei mesi passati così stranamente.
chissà che stai facendo oggi, se almeno una volta ti è capitato di pensarmi, di ricordare quel pomeriggio passato con i mondiali di calcio, a recitare un film già visto.

Nessun commento: