martedì 21 agosto 2012

IL GLADIATORE - SIMON SCARROW

mi ero segnata questo libro proprio dopo aver letto un'opinione su questo sito, come succede spesso quando leggo recenioni interessanti su libri che mi sono sfuggiti... questa volta ho avuto anche l'opportunità oltre che di legger eun bel romanzo di fare conoscenza con uno scrittore di cui ignoravo l'esistenza e che invece merita la mia attenzione.

simon scarrow è uno scrittore inglese, esperto di storia romana. sebbene io abbia una predilezione per i romanzi storici sono anche piuttosto selettiva riguardo periodo e luogh, in questo caso mi sono avvicinata a questa lettura un po' al limite rispetto ai miei interessi: la storia romana mi piace, ma spesso i romanzi storici ambientati in questo contesto sono solo un ricco intrigo a palazzo, nulla di più. in questo caso sono invece rimasta contenta: poca politica e più azione, difficilmente potevo chiedere di più all'autore.

purtroppo, e questo è meglio dirlo subito, simon scarrow è stato piuttosto prolifico, dal 2000 al 2010 ha scritto ben 10 libri di questa "saga" che ci vede accompagnare due centurioni molto amici fra di loro: macrone e catone. nulla di male ci sarebbe se in italia 3 di quei libri non fossero mai stati tradotti e non è facile trovare la serie completa. dei 10 volumi disponibili i più famosi e facili da trovare sono questo e "il centurione" scritti rispettivamente nel 2009 e nel 2007. peccato, quando trovo un personaggio che mi piace non mi spiace seguirlo nei vari libri che lo vedono protagonista, possibilmente in ordine rispetto alle pubblicazioni. ad ogni modo anche l'autore ne è cosciente e come spesso accade quelle poche informazioni che servono per comprendere i personaggi e che si trovano in romanzi precedenti vengono comunque ricordate, quindi escludendo un poco di delusione per la difficoltà di reperire gli altri volumi la storia di questo romanzo si regge in piedi benissimo anche solo leggendolo senza conoscere cosa è accaduto prima. lo stesso autore ha scritto anche una saga ambientata ai tempi di napoleone (un periodo storico che non mi emoziona più tanto ma mai dire mai), purtroppo è inedita in italia.

veniamo ora alla storia in sè. ricca di emozioni e tensione ci ritroviamo in grecia. i due centuriosni insieme al senatore sempronio e alla figlia giulia sono su una nave diretta a roma, dove catone si sposerà con giulia. ma un terremoto di grande intensità si abbatte sulla grecia proprio quando la nave è nei paraggi della costa, il terremoto è così forte che si sente anche sulla nave, questo è nulla rispetto all'onda di maremoto che si solleva in seguito e che mette a dura prova la nave dove si trovano i nostri protagonisti e la grecia stessa. per riparare l'imbarcazione si recano a riva, dove si rendono conto del livello di distruzione raggiunto sulla costa. ben presto ci si rende conto dei problemi che andranno risolti: la maggior perate del comando romano è morto, la popolazione è ridotta alla fame, la possibilità che scoppi un'epidemia è altissima. i nostri protagonisti si rimboccano le maniche e cercano di porre rimedio alla situazione. a creare ancora più problemi sono gli schivi: visto il caos dilagante si riuniscono sotto un comandante (schiavo-gladiatore) che li porta a combattere contro i romani rimasti...

non vi sto a togliere il gusto della lettura, basti solo sapere che la storia è ben congeniata, i colpi di scena sono frequenti e la lettura scorrevole. il racconto è verosimile e i personaggi sono così ben caratterizzati che dopo poche pagine ci sembra di conoscerli da tempo. il titolo fa riferimento allo schiavo-gladiatore che comanda la rivolta degli schiavi, personaggio già presente nella saga e che ritroveremo nel volume successivo.

al termine del libro le note dell'autore sono particolarmente interessanti: spiega come è nato il libro. può sembrare banale ma io quando leggo un libro che mi è piaciuto mi chiedo sempre come e perchè l'autore l'ha scritto. in questo caso l'autore è andato in vacanza a creta e si è immaginato che i suoi due centurioni ci sarebbero stati bene lì, si è informato su cosa accadde in quelle zone e ha scoperto che proprio nel periodo in cui i due centurioni hano vissuto nei suoi libri lì c'era stato un maremoto di vaste dimensioni. non gli è rimasto che cercare e ricercare un antagonista che movimentasse un po' la storia e l'ha trovato in questo schiavo-gladiatore che aveva tutti i motivi per odiare proprio i due centurioni: avevano, qualche volume prima, impiccato un pirata e venduto suo figlio come schiavo, nulla di più semplice che far crescere questo bambino come schiavo, farlo diventare un gladiatore e collocarlo in una ricca casa romana della zona...

non mi rimane che invitarvi alla lettura. sebbene ci siano alcuni punti che personalmente avrei voluto vedere più "approfonditi" (battaglie, eserciti schierati etc) è un ottimo romanzo storico, lo consiglio senza dubbio! per quanto mi riguarda cercherò gli altri volumi perchè sono curiosa di leggere il seguito ma soprattutto ciò che è accaduto prima, dato che questo volume è stato scritto nel 2009 e ci sono 8 volumi che lo precedono...

Nessun commento: