mercoledì 18 settembre 2013

Il ritorno a casa

In vacanza abbiamo messo in pausa cio che eravamo: il consumo consapevole, il vegano, la raccolta differenziata, l'attivita fisica (blanda) unita alla meditazione dinamica. Tutto in pausa.

Ci sono stati momenti belli, di condivisione.
Non nascondo le grigliate di carne e di pesce, le frittatone di fiori di zucca
 
 (anche se ho mantenuto la necessita di acquistare uova di galline allevate a terra), 
le colazioni con latte crudo e burro e marmellata.

Ma non ero io.

E infatti ritorno a casa ha significato tornare a consumare consapevolmente, 
scegliendo marche ecosostenibili, 
leggendo le etichette alla ricerca (ad esempio) di biscotti vegan per la colazione, 
il ritorno a usare legumi e cereali integrali abolendo la pasta e il pane. 
 
Il bere litri di te e tisane, sgranocchiare verdure davanti al pc e dividere maniacalmente I rifiuti tornando ad arrabbiarmi quando vedo scatoloni di cartone buttati nell'indifferenziato quando a pochi passi c'e la raccolta della carta... 
Solita vita insomma.

Cio che non è solito è la mia decisione di dare una svolta. 
Ho messo su troppi chili, e da che ne avrei dovuti perdere 3-4 
sono arrivata a doverne perdere quasi 12. Quindi... 

Mi sono iscritta in palestra.

Nessun commento: