martedì 29 ottobre 2013

ERAGON - CHISTOPHER PAOLINI

Il genere non è il mio, 
storie di draghi, elfi, nani e similari 
non solo non mi attirano ma generalmente tendo ad evitarle. 
Ma ho regalato questo e I due libri successivi della saga a mio padre 
e per farla breve dopo 3-4 anni di loro attesa nello scaffale 
ho deciso di iniziare a leggerli, 
con una buona dose di entusiasmo dato a mio padre era piaciuto cosi tanto questo 
da chiedermi gli altri libri in regalo. 
Di solito questa è una buona assicurazione dato che bene o male abbiamo 
gli stessi gusti.
 
Il libro parte subito facendoci incontrare Eragon, 
un ragazzino decisamente diverso dalla massa ma allo stesso tempo un ragazzino 
come tanti. Tempi diversi, mondo diverso, 
in cui un ragazzino puo andare a caccia da solo e tornare dopo giorni s
enza che questo sia considerato strano o pericoloso. 
La location che sceglie per cacciare è originale e di solito evitata 
dalla popolazione, ma a lui non importa e non ha paura. 
La sua vita cambia totalmente quando entra in possesso di una pietra preziosa, 
cosi preziosa da non riuscire a trovare uin acquirente e cosi strana e 
originale da inquietare chi è chiamato ad esaminarla. 
In breve Eragon non solo scopre che non è una pietra, 
ma che è davvero incredibile cosa sia in realta...
 
Come sempre le mie opinioni esulano dalla trama, 
un po' perche non amo leggere le trame, 
e un po' perche onestamente non credo sia difficile reperirla in rete se interessa.
 
I personaggi del libro sono cosi caratterizzati 
e descritti bene e con dovizia di particolari che non è difficile 
immaginarseli e soprattutto non è difficile immaginare come 
reagiranno a ciò che gli accade. 
Per quanto mi riguarda è una cosa rara, 
leggere un libro e sentire cosi vicini 
I personaggi da avere la sensazione di conoscerli. 
Stesso discorso si puo fare senza esitazione per quanto riguarda 
I paesaggi e I luoghi. Le descrizioni sono accurate e piacevoli da leggere. 
Incredibilmente nonostante l'autore si dilunghi spesso nelle descrizioni 
queste non sono noiose e non interrompono l'azione ma anzi ne fanno parte 
e sono fondamentali per accrescere il coinvolgimento del lettore.
 
La trama è ben strutturata, ricca di colpi di scena, 
di sorprese e di momenti di calma apparente che permettono al lettore 
di rilassarsi dopo pagine di alta tensione. 
 
Onestamente mi auguro che le prossime "puntate" di questa saga 
siano coinvolgenti e piacevoli da leggere come questa che mi ha davvero stupita 
su diversi fronti, non ultimo proprio il mio appassionarmi a 
una storia che ha per protagonista un ragazzo con una draghessa.... 
Non mi rimane che consigliarvi la lettura!

Nessun commento: