martedì 5 novembre 2013

ELDEST - CHISTOPHER PAOLINI

Seconda puntata della saga dell'eredita o di come la chiamo io "la storia di eragon". Abbiamo lasciato nel primo libro eragon che era poco piu di un ragazzino, infatuato di un'elfa che lo respinge piu per paura che per disinteresse, in una situazione di pericolo imminente nonostante abbia appena vinto una battaglia memorabile....
La seconda parte di questa bella avventura fantasy prosegue esattamente da quel punto per interrompersi 600 pagone dopo circa piu o meno in una situazione analoga seppure con alcune sostanziali differenze. Eragon continua a essere un ragazzino, nonostante in quell'epoca la sua eta sia gia quella di un giovane adulto. La sua vita è diversiSsima rispeTto a quella dei suoi coetanei, come è giusto che sia visto il suo importante ruolo. Si ritrovera a studiare tutte le conoscenze che appartenevano a cavalieri e draghi. Tutti I segreti da loro ricercatie custoditi, almeno fino a quando non furono sterminati. Entrera in contatto con il magico mondo degli elfi, scoprendo anche chi è in realta la sua amata, e condividendo con loro non solo conoscenza e rispetto ma anche la loro cerimonia piu importante. E allo stesso tempo si trovera a fare I conti con gli intrighi di corte tipici di ogni corte che si rispetti, con la differenza che lui ha a che fare con 3 corti distinte sia perr interesse che per "razza": umani, nani e elfi.
A fare da secondo protagonista in questo libro è il cugino di eragon, che nel primo volume era poco piu di un personaggio di sfondo alla vicenda. Qui viene meglio caratterizzato e si viene a contatto con la sua incredibile forza di volonta, molto simile a quella di eragon ma allo stesso tempo molto diversa e forse piu disperata.
Lo stile di paolinoi è rimasto lo stesso: accattivante, scorrevole, piacevole da leggere e decisamente interessante. Non un singolo momento di noia durante la lettura.
Non mi resta che consigliare questa lettura!

Nessun commento: