martedì 18 marzo 2014

GOMORRA - ROBERTO SAVIANO

Ho preso questo libro in tempi non sospetti, vale a dire prima dell'uscita del relativo film. Poi pero è rimasto nello scaffale a lungo, cosi a lungo che una volta uscito il film ho deciso che non valeva la pena leggerlo. Troppi discorsi, polemiche e luoghi comuni avevo sentito in quel periodo, tutte cose che mi avevano portato a pensare che fosse il "classico" libro sulla vita di un ragazzino sfortunato, come ce ne sono tanti, anche se la sfortuna del ragazzino è diversa: una volta sono I talebani, poi sono gli americani, poi sono I mussulmani... Pensavo che questa fosse la volta dei cammorristi. Ho preso un abbaglio: il libro non è assolutamente questo.

è invece un'interessantissima analisi che vede come protagonista la camorra. Non so voi, ma personalmente a scuola mi hanno sempre parlato della mafia. Progetti, ricerche, tesi d'esame sull'argomento. Della camorra neanche un accenno.

Questo libro pone rimedio alla mia ignoranza, ma credo che non sia solo la mia. Neanche I media parlano dell'argomento. Quando si legge di una media di 300 morti all'anno e non se ne è mai sentito parlare, quando si legge del maxi processo con boss, intercettazioni etc e alla sentenza c'erano pochi giornalisti, e nessuno di testate nazionali allora si comincia a dare un senso alla cosa. Non sono io che vivo fuori dal mondo ma è il mondo che tace la presenza fitta e ramificata della camorra non solo dove si origina ma, come spiega benissimo il libro, in tutto il mondo. Affari che riguardano armi, droga, rifiuti, costruzioni edili ovunque vedono la presenza piu o meno palese di camorristi.

è davvero difficile dare delle infomazioni: in piu di 300 pagine di libro l'autore fa solo questo: mette come fossero mattone su mattone numeri, dati, esperienze dirette, storie di persone, malavitosi e non. Il quadro che ne viene fuori è sconvolgente.

Come sempre cerchero anche altre fonti per valutare cio che ho letto, ma lo stile è accattivante, mai noioso, mai scontato. I dati sono li, bisogna solo aver voglia di cercarli anche altrove, le storie sono reali, le interpretazioni sono poche e palesi, ben inserite nella storia. Che poi di storia non si tratta, è solo una lunga trattazione, da diversi punti di vista, di cio che vuol dire "camorra" dal viverci in mezzo al vedere cosa accade, fino al cercare di capire se non "motivare" cosa possa significare omerta: quando si vive tutta la vita nell'illegalita è poi difficile capire cosa sia illegale e cosa no.

Libro consigliatissimo.

Nessun commento: